A Palazzo Pirelli il Consiglio regionale lombardo ricorda il martirio e l’esodo giuliano dalmata istriano

In Aula consiliare la cerimonia di premiazione del concorso scolastico indetto dal Consiglio regionale

MILANO – L’Aula del Consiglio regionale della Lombardia ospiterà domani venerdì 9 febbraio la cerimonia che, come ogni anno da quando nel 2008 una legge regionale istituì la ricorrenza, fa memoria del dramma delle foibe e dell’esodo della popolazione Giuliano-Dalmata-Istriana. La ricorrenza del “Giorno del Ricordo” è stata individuata nella data del 10 febbraio quando nel 1947 furono siglati i Trattati di Parigi che ridisegnarono l’Europa e definirono i nuovi confini italiani.

Domani a Palazzo Pirelli saranno presenti rappresentanti delle Associazioni degli esuli Giuliano Dalmati e gli studenti delle scuole secondarie lombarde che hanno partecipato alla decima edizione del concorso indetto dal Consiglio regionale e che quest’anno ha per titolo “Storie, testimonianze e opere dell’identità italiana nell’esodo giuliano-dalmata-istriano per l’affermazione dei valori del ricordo a dieci anni dalla legge regionale della Lombardia”. Diversi gli istituti scolastici coinvolti, con 26 elaborati pervenuti complessivamente, sia individuali che di gruppo, da parte di scuole primarie e secondarie della Lombardia.

La cerimonia sarà aperta alle ore 10 dall’intervento del presidente del Consiglio regionale: nel corso della cerimonia interverranno poi il Vice presidente nazionale dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia Davide Rossi e il presidente del Comitato provinciale di Milano dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia Matteo Gherghetta, la dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Marcella Fusco e l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro.
Prevista anche la testimonianza dello scrittore Pietro Prever, figlio di esuli e autore del libro “Il pescatore”, mentre in rappresentanza dei ragazzi presenti prenderà la parola lo studente Stefano Barlocchi.

Tutti gli studenti premiati, con i loro accompagnatori, potranno partecipare ad un viaggio di istruzione di tre giorni al Sacrario militare di Redipuglia, alle Foibe di Basovizza e nelle zone degli avvenimenti cui si riferiscono i loro lavori.

*

*

Su